La nuova app Clearview Face Recognition abbina i volti alle immagini su Internet | VPNoverview.com

Una piccola startup, Clearview AI, ha ideato un’app rivoluzionaria per il riconoscimento facciale. Abbina le foto caricate delle persone alle immagini di quella persona da Internet. Attualmente l’app viene utilizzata principalmente dalle forze dell’ordine.


Le persone dietro l’app Clearview

L’app di riconoscimento facciale Clearview è stata sviluppata da uno sviluppatore australiano di 31 anni e un modello unico chiamato Hoan Ton-That. Ton-That è cresciuto in Australia con la sua famiglia vietnamita prima di trasferirsi negli Stati Uniti all’età di 19 anni.

Lì conobbe Richard Schwartz, ora 61enne, co-fondatore di Clearview AI. Schwartz era un aiutante di Rudy Giuliani quando era sindaco di New York e quindi ha molti contatti importanti. I due si sono incontrati nel 2016 e presto hanno deciso di dedicarsi al settore del riconoscimento facciale insieme. Ton-That ha sviluppato l’App e Schwartz ha usato i suoi contatti per suscitare interesse commerciale.

Fino a Clearview, Ton-That era meglio conosciuto per lo sviluppo di un’app che consentiva alle persone di mettere l’acconciatura e il colore distintivi di Donald Trump sulle proprie foto. Ha anche sviluppato un programma di condivisione di foto, che non è decollato.

Clearview, d’altra parte, è diventato molto popolare tra le forze dell’ordine statunitensi. Usano l’app di riconoscimento facciale per identificare e rintracciare i sospetti. La società ha inoltre concesso in licenza l’app di riconoscimento facciale a diverse società per motivi di sicurezza. Clearview AI dice tuttavia che non sta cercando di rendere l’app disponibile al pubblico perché “ci sarà sempre una comunità di persone cattive che la abuseranno”.

Come funziona Clearview?

Clearview è un’app di riconoscimento facciale semplice da usare e relativamente economica. La sua spina dorsale è un database contenente oltre tre miliardi di immagini e video. Clearview AI afferma di aver eliminato le immagini e i video dai siti di social media come Facebook, Venmo e YouTube e siti di lavoro.

Scraping Images

Scraping immagini è il processo di download di un gran numero di immagini dai siti Web. I rappresentanti delle aziende da cui Clearview AI ha eliminato le immagini e i video hanno affermato che le loro politiche vietano tale raschiatura.

Secondo Ton-That, tuttavia, Clearview AI utilizza solo immagini disponibili pubblicamente. Se gli utenti limitano le proprie impostazioni sulla privacy sui propri account di social media, queste foto non verranno eliminate. Ad esempio, se gli utenti modificano le impostazioni sulla privacy in Facebook in modo che i motori di ricerca non possano collegarsi ai loro profili, queste foto non saranno incluse nel database.

Sfortunatamente, se le foto sono già state raschiate, è troppo tardi. Clearview AI mantiene tutte le immagini che ha raschiato anche se in seguito vengono rimosse dal profilo di un utente. Tuttavia, Ton-That ha dichiarato che stanno cercando di fornire un modo per le persone di richiedere che le loro foto vengano rimosse dal database di Clearview.

Il sistema di riconoscimento facciale di Clearview

Clearview AI ha perfezionato l’algoritmo AI di riconoscimento facciale basandosi sulle informazioni derivate da articoli accademici.

Clearview AI converte le immagini raschiate in formule matematiche o vettori, basate sulla geometria facciale, come la distanza degli occhi di una persona. Quindi, il sistema raggruppa tutte le foto con vettori simili in “quartieri”.

Quando un utente carica una foto per la corrispondenza, Clearview cerca nel database e recupera le foto pubbliche della persona abbinata, insieme ai collegamenti da cui sono state derivate le foto. Secondo il New York Times, “Il sistema … va ben oltre qualsiasi cosa mai costruita dal governo degli Stati Uniti o dai giganti della Silicon Valley”.

Clearview rinnova le preoccupazioni sulla privacy relative al software di riconoscimento facciale circostante

Ci sono sempre state preoccupazioni riguardo all’uso della tecnologia che identifica le persone in base ai volti a causa della perdita di privacy e del possibile uso improprio della tecnologia. Come affermato da Eric Golman, condirettore dell’High Tech Law Institute presso l’Università di Santa Clara: “Le possibilità di armi sono infinite. Immagina un ufficiale delle forze dell’ordine che vuole inseguire potenziali partner romantici o un governo straniero che lo usa per scavare segreti sulle persone per ricattarle o gettarle in prigione ”.

Inoltre, tali sistemi destano preoccupazione perché non sono precisi al 100%. Ton-That ammette che Clearview ha una precisione del 75% circa. Secondo Ton-That, l’app non funziona sempre perché le foto nel database sono scattate a livello degli occhi. Tuttavia, il materiale caricato dalla polizia proviene da telecamere di sorveglianza solitamente montate sul soffitto o in alto sui muri.

Tuttavia, oltre 600 forze dell’ordine hanno iniziato a utilizzare l’app Clearview Face Recognition nell’ultimo anno. Ciò avveniva prima che il pubblico venisse a conoscenza dell’esistenza dell’app e iniziasse ad opporsi per motivi di privacy.

I funzionari delle forze dell’ordine statunitensi che utilizzano l’app hanno ammesso di avere una conoscenza limitata del funzionamento di Clearview. Tuttavia, hanno utilizzato con successo l’app per risolvere i casi di taccheggio, furto di identità, frode con carta di credito, omicidio e sfruttamento sessuale di minori.

Kim Martin
Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me